Gianna Bernasconi


da oltre 40 anni in India
da oltre 40 anni in India

Partita da  Riva San Vitale nel settembre del  1967,  ancora  oggi svolge la sua opera in India per:  “Aiutare i poveri con umiltà e amore.” Prima destinazione è il Centro Salesiano  con lebbrosario  a Madras,  fondato da Padre  Mantovani e diretto, in quel periodo da Padre Francesco Schlooz. Le attività di Gianna sono molteplici e il suo impegno e la sua  dedizione sono state  d’esempio per tanta povera gente che è riuscita, con il suo aiuto,a uscire dalla spirale  della povertà e  dell’ indigenza  Padre Francesco, missionario  da più di 50 anni in India scrisse:

                                  "Ne arrivassero tante come lei!"

 


Un libro ripercorre i 45 anni

di Gianna Bernasconi in India

 

Una protagonista umile e silenziosa, che alle parole ha sempre preferito anteporre i fatti: Gianna Bernasconi vive e opera da 45 anni in India sempre a fianco dei più poveri. Ha scelto come suo campo d’azione Madras-Chennai, un alveare umano di sette milioni e mezzo di abitanti. In questo 2012 sono scoccati per lei i 75 anni: ed è anche per sottolineare questo lungo, generoso impegno tra gli ultimi che l’Associazione Amici Padre Mantovani di Lugano ha voluto pubblicare un libro, con il quale contribuire a far conoscere il bene fatto dall’infermiera di Riva San Vitale.

Il viaggio di avvicinamento al lungo percorso di questa donna lo ha compiuto Giuseppe Zois, autore di “Gianna Bernasconi/Vivere per donare”, una pubblicazione che ci permette di cogliere il significato di un cammino di solidarietà.

 


Proponiamo il documentario girato in India  nel 2003 e che testimonia dell'attività di Gianna Bernasconi nel periodo di direzione del Karunai Illam  (Luogo d'amore).




1997 - UDAVUM KARANGAL E KARUNAI ILLAM

Nel 1997 Gianna inizia una collaborazione con questa istituzione diretta da un medico indiano (Vidjakar) che, in un quartiere di Madras raccoglie circa 1800 fra neonati, bambini e ragazzi malati od andicappati, malati di mente (centro Karunai Illam), malati di AIDS e vecchi abbandonati in pericolo di vita. Gianna ci ha segnalato i bisogni del movimento che, pur di estrazione indù, lavora nello spirito di Padre Mantovani, basandosi sul volontariato. L’opera di Vidjakar, fondatore ed anima di Udavum Karangal (Mani Tese), è molto apprezzata dagli enti locali che hanno in lui un sicuro punto di riferimento in caso di situazioni di emergenza. È soprattutto importante per noi la grande stima che Gianna Bernasconi ha della loro attività. gianna bernasconi  gianna bernasconi  gianna bernasconi  gianna bernasconi  gianna bernasconi

INDIAN COMMUNITY WELFARE ORGANISATION 

2004 – OSPEDALE DI VANAKAMBADI